La traccia di storia non è affatto morta e gode di buona salute

Un recente articolo di Marco Campione per Scuola7 fa il punto sulla situazione della storia come disciplina degli scritti dell’Esame di Stato. E non è un bilancio negativo, anzi.

Lette le tracce, non si può non constatare che la storia è praticamente in tutte: direttamente in quelle sull’eredità del Novecento e sul nesso tra sport e storia; affiora in quella su Ungaretti, Sciascia, Montanari; si poteva ricorrere a considerazioni sulla guerra fredda commentando Sloman e Fernbach; perfino nella traccia su Dalla Chiesa si poteva azzardare qualche riferimento storico e storiografico.

Immagine: Car of History Clock

Precedente "Teach like a champion", le impressioni di un docente di lettere Successivo La centralità della storia nella seconda prova scritta della maturità classica