Il senso di essere dirigente scolastico

Paolo Fasce, neo-immesso in ruolo come Dirigente Scolastico in Liguria, si presenta in un’intervista per La tecnica della scuola, ragionando di luci ed ombre del suo nuovo mestiere:

E la cosa che le piace meno?

L’aspetto che mi piace di meno è legato ai limiti strutturali della scuola. Devo rispettare graduatorie per chiamare persone che so già essere inadeguate e devo curvare il potenziamento per evitare di avere una fila di genitori fuori dalla porta che si lamentano di un insegnante incapace di insegnare.
Questo sistema è nato per evitare le clientele, e lo capisco, ha tuttavia effetti gravemente nocivi della qualità dell’offerta formativa della scuola pubblica statale.

Immagine: Petr Katrochvil

Precedente Le riflessioni di Paolo Fasce sullo spinoso nodo della sicurezza a scuola Successivo Il senso di essere dirigente scolastico/2