Il senso di essere dirigente scolastico/2

Dopo Paolo Fasce, a presentarsi è Marco Bollettino, che non appena ha preso servizio si è trovato a gestire lo scoglio delle MAD, ovvero delle “messe a disposizione” di aspiranti docenti da convocare in caso di graduatorie esaurite.

In queste due settimane ha già dovuto affrontare più di una criticità. Ce n’è almeno una che proprio non prevedeva e che l’ha sorpreso?

Un pochino, in realtà, l’avevo previsto, ma non con questi numeri. Ogni giorno, nella mia scuola come credo in tante altre, arrivano centinaia di email con cui aspiranti docenti si “mettono a disposizione” per le supplenze. Le segreterie, in teoria, dovrebbero esaminarle tutte una per una, graduare i curricula secondo delle tabelle oggettive di valutazione titoli e pubblicare gli elenchi. Se lo facessero, sarebbero tutte bloccate a fare solo quello.  Così abbiam dovuto trovare una soluzione diversa e filtrare le domande con un form pubblicato sul sito della scuola.

Immagine: wokandpix

Precedente Il senso di essere dirigente scolastico Successivo Il problema della (mancata) continuità per gli studenti disabili