Le indicazioni della SIREM

La SIREM, Società Italiana di Ricerca sull’Educazione Mediale, offre in questa pagina approfondimenti e link per orientarsi della didattica a distanza.

Si ritiene infatti che oggi l’e-learning possa fornire un valido supporto, ma occorre ricordare che fare didattica online non equivale a trasferire online il proprio insegnamento abituale, con l’unica differenza dei mezzi utilizzati: ogni strumento/ambiente ha le sue caratteristiche di cui deve tener conto il docente che se ne avvale.
L’e-learning richiede competenze didattiche specifiche, non sempre possedute dai docenti che hanno, invece, grande l’esperienza di didattica in presenza.

In questa fase, in cui il contesto esterno impone il ricorso all’e-learning, vorremmo che fossero evitate due improprie generalizzazioni:

  1. Ritenere che l’e-learning sia la panacea di tutti i mali. Nessuno intende proporre di sostituire in assoluto la didattica in presenza con l’e-learning. E-learning e didattica in presenza, se ben organizzati, presentano vantaggi e svantaggi, permettendo di sviluppare processi di insegnamento-apprendimento validi sia sul piano formativo, sia su quello educativo. Oggi crediamo che sia quasi impossibile non servirsi di strumenti digitali nella didattica corrente.
  2. Utilizzare le difficoltà e, in qualche caso, la non eccelsa qualità dei corsi predisposti nella congiuntura attuale (ricordiamo che per molti docenti questa sarà la prima esperienza di e-learning) come base per sostenere l’inconsistenza educativa dell’e-learning.
Precedente "Essere a scuola", numero speciale, Marzo 2020 Successivo A Fuscaldo la scuola si fa blog