La scuola il prossimo settembre: i pensieri di due presidi

Paolo Fasce, nella sua rubrica sul Secolo XIX del 25/06, ragiona sulla questione dalla sua prospettiva di Dirigente Scolastico, soffermandosi in particolare sui margini di autonomia che un dirigente può avere (o più spesso non avere).

Le proposte contenute nel Piano scuola 2020/2021 sono interessanti e pedagogicamente adulte, ma sono tardive (perché pubblicarle a fine giugno? cosa ha impedito di redigere quel documento ad aprile?) e non disegnano i quadri emergenziali immaginabili. Cosa succede se uno studente si ammala? Cosa succede se una classe si ammala? Da un lato ci sono responsabilità penali dei dirigenti e dei docenti, dall’altro accadrà che il giorno dopo mezza scuola starà a casa. C’è traccia di un “scudo penale” per i dirigenti e gli insegnanti? No. C’è traccia di protocolli e task force per le emergenze? No. Viene data la possibilità di una classe in più dove ci sono tanti studenti? No. Sono stati dati dei soldi. Questo è vero.

Molto tecnica e competente (ma limpida) anche l’analisi di Emanuele Contu per il Sussidiario, uscita lo stesso giorno.

Le “Linee guida” per la ripresa della scuola a settembre, appena pubblicate dal ministero dell’Istruzione, lasciano senza risposta tre questioni fondamentali. Primo: non sappiamo con quale organico le scuole dovranno organizzare la propria attività didattica e amministrativa, visto che al momento docenti e personale Ata sono stati assegnati secondo i consueti parametri.

Secondo: non è chiaro se sarà obbligatorio garantire l’intero monte ore annuo agli studenti o se, come nell’anno scolastico appena concluso, ci potranno essere riduzioni in conseguenza della necessità di organizzare turnazioni o prevedere ore di lezione di meno di 60 minuti.

Terzo: non si affronta il nodo degli effettivi poteri conferiti ai dirigenti scolastici per assumere le decisioni organizzative necessarie a garantire lo svolgimento delle attività didattiche in presenza e in sicurezza.

Foto: Lucas van Valckenborch, Paesaggio autunnle (settembre)

 

Precedente La quarantena e la dispersione scolastica