Considerazioni per l’Italia sul rapporto OCSE-PISA 2019

Marco Campione espone le sue riflessioni sul quadro che emerge, per l’Italia, dal rapporto “Education at a glance 2019” a cura di OCSE-PISA.

Il 9 settembre OCSE ha pubblicato il Rapporto sull’istruzione 2019, Education at a Glance. Un rapporto di più di 400 pagine tutte in inglese, che difficilmente viene letto dai tanti che si dilettano a pontificare di scuola, salendo in cattedra (rigorosamente posta su una predellaça va sans dire) approfittando della vetrine delle prime pagine dei grandi giornali.

Chissà se li spaventano di più le 400 pagine o il fatto che siano in inglese… Ed è davvero un peccato non lo leggano, perché molti luoghi comuni e argomenti retorici vengono ridimensionati. Si conferma ad esempio che è vero che l’Italia investe molto meno degli altri paesi OCSE in Istruzione, ma anche che quella distanza si concentra per lo più nell’istruzione terziaria (l’Università) e nella ricerca.

Immagine: Wokandapix

Precedente Del vanverismo pedagogico, ovvero gli sproloqui sulla scuola Successivo Leggere è una cosa per giovani, in Italia