Chi siamo

Qui di seguito, in ordine alfabetico, i membri di Condorcet:

  • Beatrice Aimi, dirigente scolastico, PhD in Science Education, Master in Dirigenza per le Scuole, assegnista di ricerca in Psicologia dell’Educazione e dello Sviluppo, componente INVALSI per i Nuclei Esterni di Valutazione delle scuole.
  • Gabriele Benassi è insegnante di Lettere, animatore digitale, formatore ed esperto in didattiche innovative
  • Marco Bollettino, Dirigente scolastico del liceo scientifico “A. Gramsci” di Ivrea
  • Marco Campione è un esperto di politiche pubbliche per l’istruzione; dal 2014 al 2018 ha collaborato con i governi Renzi e Gentiloni, ricoprendo incarichi presso il MIUR
  • Elda Caserta, insegnante di Lettere alla Scuola Secondaria di primo grado, Referente di Bullismo e Cyberbullismo e Figura di sistema di Cittadinanza e Costituzione. Ha lavorato per anni nell’Istituto Sperimentale Rinascita-Livi di Milano, dove ha maturato una certa esperienza nell’ambito della formazione e soprattutto nell’educazione alla cittadinanza attiva.
  • Valentina Chindamo, nata a Vicenza il 12 luglio 1989, docente di economia aziendale e consulente in strategia e comunicazione politica.
  • Paolo Fasce, Dirigente scolastico dell’ITTL “Nautico San Giorgio” di Genova e Camogli, ingegnere elettronico abilitato in matematica applicata e informatica, professore a contratto dell’Università di Genova presso i corsi di specializzazione sul sostegno.
  • Maria Teresa Iannitto è docente di italiano storia e geografia nella scuola secondaria di primo grado. Si occupa di formazione dei docenti.
  • Giulia Narduolo, insegnante di inglese (non di ruolo) presso un istituto tecnico e professionale della provincia di Padova, deputata dal 2013 al 2018 e componente della commissione Cultura, scienza e istruzione.
  • Mauro Piras insegna Filosofia e Storia al Liceo Scientifico Castelnuovo di Firenze. Si occupa di filosofia politica e politica scolastica.
  • Francesco Rocchi, docente di lettere dal 2005, scrive di scuola dove capita.
Precedente Condorcet. (Ri)pensare la scuola: il manifesto e quattro proposte Successivo Classi di 15 studenti? Si può