Classi di 15 studenti? Si può

Impazza sui social, almeno nella mia bolla che è ovviamente composta da molti insegnanti, un articolo che cita il filosofo Umberto Galimberti secondo il quale afferma che “Per educare e seguire davvero l’educazione servono classi di 12/15 ragazzi. Finché avremo 30/35 persone vorrà dire che abbiamo deciso che nelle nostre scuole non si educa. L’educazione è educare la parte emotiva dei ragazzi, vedere le differenze delle intelligenze tra i ragazzi. Altrimenti si resta al livello impulsivo”. Insegno e ho insegnato in classi con un numero vario di studenti. Dalle “classi pollaio” a classi di 16/20 studenti e, naturalmente, non posso che condividere la proposta che, tuttavia, rischia di rimanere improduttiva se le condizioni al contorno restassero le stesse.

Qui l’articolo completo

Precedente Chi siamo Successivo Cosa rende la bocciatura così problematica? L'analisi di Mauro Piras